Covid-19: Vademecum dell’Agente Immobiliare in Fase 2

Data pubblicazione: 13-05-2020


Covid-19: Vademecum dell’Agente Immobiliare in Fase 2

4 maggio 2020. Una data che Studi e Agenzie Immobiliari difficilmente potranno dimenticare. Dopo il lockdown italiano dovuto alla pandemia del Coronavirus, finalmente si torna in campo. O meglio, si torna “a casa”. Se negli ultimi mesi gli agenti immobiliari hanno dovuto congelare il rapporto con i clienti, adesso finalmente possono tornare a far vedere loro le case e a portare avanti sia i contratti di locazione che gli atti di compravendita.


Noi, come sapete, abbiamo continuato a lavorare come Property Finder, quindi possiamo dire di esserci portati avanti su tutti i fronti. In questi mesi abbiamo aiutato i nostri clienti a selezionare case interessanti e aspettavamo solo il via libera per poterli accompagnare a vederle per concludere le pratiche!


Ora questo momento è finalmente arrivato. Come ci ha confermato la Federazione Italiana Agenti Immobiliari Professionali siamo potuti tornare a svolgere il nostro amato lavoro!


Molte sono state le fake news in merito, invece siamo stati felici di apprendere che i clienti possono recarsi presso i nostri uffici e visionare gli immobili con noi, naturalmente rispettando i protocolli.


L’obiettivo del Governo è far ripartire il settore immobiliare, che durante il lockdown ha visto rinviati circa 65mila contratti di locazione e 20mila atti di compravendita. Siamo pronti a scongelarli tutti!


Ecco quindi come gestire lo Studio e l’Agenzia in Fase 2:



  1. distanziare le scrivanie

  2. usare dispositivi di protezione individuale,

  3. garantire l’igiene ambientale pulendo almeno due volte al giorno e includendo sanificazioni periodiche;

  4. concordare accessi scaglionati


Come gestire gli accessi scaglionati?


- Ampliare le fasce orarie;


-Nei locali fino a 40 metri quadrati può accedere una sola persona alla volta, oltre ad un massimo di due operatori dell'agenzia;


- Nei locali di dimensioni superiori a 40 metri quadrati, l'accesso deve essere regolamentato in funzione degli spazi disponibili, differenziando, laddove possibile, l’entrata e l’uscita.


Agente Immobiliare in Fase 2: come si deve comportare?



  1. Ridurre i contatti col cliente al minimo indispensabile e incentivare il contatto telematico.

  2. Prediligere la digitalizzazione di tutta la documentazione immobiliare utile per le trattative di locazione e compravendita e utilizzare immagini, tour virtuali e video per mostrare al cliente gli ambienti in prima battuta.

  3. Incentivare lo smart working per il personale amministrativo e/o di segreteria per ridurre la presenza di persone nei locali.

  4. Evitare di condividere telefoni e computer, quindi privilegiare le postazioni singole.

  5. Fissare appuntamenti per incontrare i clienti in agenzia.

  6. Limitare gli incontri delle parti contraenti in Agenzia.

  7. L’incontro col cliente deve avvenire previa informativa inviata via email o sms relativa al fatto di non muoversi da casa o non accettare appuntamenti presso la propria abitazione in presenza di sintomi influenzali, in caso di quarantena o ancora di positività all'infezione da Covid-19.

  8. Le visite devono essere organizzate in modo tale da non creare assembramenti, quindi possono essere svolte da tre persone alla volta compreso l’agente immobiliare, mantenendo sempre le distanze di sicurezza e garantendo l’utilizzo di mascherine e guanti.


Vi aspettiamo, sempre nel totale rispetto della sicurezza!


 


 



Condividi la notizia




Vuoi metterti in contatto con lo Studio Barone Raschi?

Scrivici la tua richiesta